La Discriminazione Razziale

La discriminazione razziale è un tema molto attuale, ma anche di rilevanza storica, in quanto si pone spesso alla base dei conflitti fra popolazioni, gruppi religiosi e politici.

Facilmente, quando si parla di razzismo, si richiamano alla mente eventi come la shoah e le purghe staliniane.

Purtroppo, non sempre gli errori del passato ci guidano verso una più corretta direzione nel presente, così oggi si presentano ancora forme di razzismo.

Si pensi ad esempio al clima odierno di discriminazione razziale in Italia, per quel che riguarda i fenomeni migratori.

Annunci

Consideriamo innanzitutto che il razzismo si basa sulla differenziazione tra il nostro gruppo, culturale, religioso o di qualsivoglia natura, ed un gruppo esterno.

Oltre alla differenziazione, attuiamo un processo di esaltazione delle nostre caratteristiche positive e di quelle negative del gruppo esterno, eseguendo un confronto impari tra essi.

È evidente che in primis vi deve essere un processo di costruzione del gruppo e della sua identità

Ciò che è curioso è che gli scimpanzè hanno antenati comuni con l’uomo, ma in queste specie non si vi sono fenomeni di discriminazione razziale

Annunci

Cosa ci spinge quindi a competere con l’outgroup e a discriminare chi è diverso da noi?

Come per le altre componenti della nostra identità, per esempio quella di genere, anche l’identità sociale ci caratterizza e ci descrive.

La necessità di proteggere (anche solo idealmente) il proprio gruppo, nasce dalla necessità di proteggere noi stessi, di affermare la nostra persona; questo bisogno non dovrebbe però implicare la discriminazione verso gli altri.

Cosa possiamo fare quindi, nel quotidiano, per promuovere un comportamento pro-sociale?

Annunci

Così come di norma apprezziamo e cerchiamo di far nostri i comportamenti positivi che osserviamo negli altri, allo stesso modo dovremmo imparare a stimare le diversità esistenti e a condividere comportamenti utili allo sviluppo di una più profonda tolleranza.

Per sentirci parte di un gruppo non dobbiamo per forza condividere il colore della pelle, la religione o le tradizioni; dovremmo tutti noi sentirci uniti da un unico scopo: il benessere collettivo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.